Cantine Brusa Cantine Brusa

Azienda Alimentare

Cantine Italia

Vini Bologna

Mail

Cantine Brusa ti invita ad addentrarti nel mondo dei sommelier

Cantine Brusa e il mondo dei sommelier

In questo articolo cercheremo di illustrare brevemente la figura tanto ricercata come affascinante del sommelier, una professione che abbina preparazione, raffinatezza, gusto e qualità. 

Chi è il “Sommelier”? E’ il professionista del vino e profondo conoscitore della tecnica della degustazione e dell'enogastronomia in generale, che è in grado di fornire informazioni sulle caratteristiche dei vini assaporati valutandone la tipologia e la qualità e proponendo i migliori accostamenti tra vino e cibo.

Il termine sommelier, deriva dal francese medio saumalier che in origine significava "conducente di bestie da soma". Col tempo, il significato muta in "addetto ai viveri" e successivamente a "cantiniere". L'origine latina va individuata nella parola sagma, che significa soma e, cioè la sella su cui venivano caricati i viveri che gli animali da soma trasportavano. Quindi il sommelier era in origine un addetto ai viveri. Nel tempo questo termine ha assunto il significato esclusivo di esperto di vini.

La figura del sommelier trova impiego presso numerose realtà aziendali (cantine, enoteche, alberghi e ristoranti). Questo professionista deve avere una formazione tecnica specifica, una grande passione e ottime capacità comunicative per poter spiegare le caratteristiche di un vino ed i suoi sapori a tutti noi comuni mortali.

Chi può diventare sommelier professionista? Tutti siamo potenzialmente in grado di diventarlo, ma è necessario frequentare un apposito percorso formativo e superare un esame finale, peraltro molto selettivo. Il sommelier professionista infatti non solo conosce e degusta i vini, ma ne conosce la storia, le tecniche colturali, i vitigni, le regioni vitivinicole del mondo, ecc. Deve inoltre saper utilizzare gli strumenti del mestiere cioè il tastevin, il cavatappi e il termometro per le bottiglie di vino.

Il sommelier deve possedere una grande passione, una spiccata dialettica e buone doti comunicative per potere raccontare i vini che degusta, per poter descrivere, anche in termini poetici oltre che tecnici, i sapori e gli aromi dei vini.

Vi lasciamo con alcuni dei termini più utilizzati dai sommelier nel corso delle degustazioni in modo da poter fare una bella figura e stupire gli altri comensali la prossima volta che ci troveremo di fronte ad un calice di vino:  

Ampio: un vino che possiede una grande varietà di profumi e sapori;

Aromatico: un vino generalmente dolce, ottenuto da uve con forti componenti profumate;

Erbaceo: vino che sprigiona profumi vegetali di erba o fieno;

Etereo: con un aroma elegante che tende a svanire;

Floreale: un vino che sprigiona un odore di fiori freschi o secchi;

Fruttato: con aromi di frutta (per esempio, mora per i rossi o mela per i bianchi);

Speziato: con sentore di spezie, tipico di alcuni vini complessi;

Fragrante: definizione tipica degli spumanti;

Franco: indica un vino pulito, netto, senza imperfezioni;

Vinoso: termine usato per indicare l'odore dei vini giovani, privi di profumi dettagliati. 

Pubblicato in Blog

Tags: cantine brusa,, mondo del vino,, come riconoscere un vino di qualità,, come abbinare il giusto vino alle pietanze,, tecniche di degustazione,, come diventare un sommelier,

x

Promozioni? inserisci la tua email:

Iscriviti alla nostra newsletter

o seguici!